venerdì 29 aprile 2016

Stefano Ciafaloni: percorso professionale e competenze del Responsabile di Giadil Consulting S.r.l.

Pisano, classe 1966, Stefano Ciafaloni ha una competenza multidisciplinare: dopo aver lavorato nel settore commerciale e nell'IT, attualmente è Responsabile di Giadil Consulting S.r.l., società di brokeraggio di noleggio a lungo termine.

Stefano Ciafaloni: excursus professionale

Il percorso professionale di Stefano Ciafaloni comincia nel 1995, dopo aver conseguito la Laurea in Economia e Commercio presso l'Università degli Studi di Pisa. Rank Xerox S.p.A. gli affida, infatti, compiti commerciali legati ai servizi di noleggio e vendita di apparecchiature "multifunzione" connesse in rete. Trasferitosi a Roma nel 1997, rimane nello stesso ambito, avviando una collaborazione con Forum Sparta S.p.A., Asystel S.p.A. ed Euromatica S.r.l., società attive nell'Information Technology. Freelance dal 2003, Stefano Ciafaloni comincia a lavorare nell'Automotive e, più nello specifico, nel noleggio a lungo termine, offrendo consulenza nella gestione delle flotte aziendali. L'esperienza di questo periodo lo porta ad assumere il suo attuale incarico: è, infatti, Responsabile di Giadil Consulting S.r.l., società che opera nel brokeraggio di noleggio a lungo termine. Oltre a essere consulente per il network venditori, si occupa dello sviluppo di software specifici di gestione dei parchi auto e della valutazione del TCO delle flotte aziendali, studiato con l'obiettivo di ridurre i costi.

Giadil Consulting S.r.l.: core business e dinamiche aziendali

Attiva prevalentemente a Pisa e Milano, Giadil Consulting S.r.l., società che si avvale della collaborazione del Responsabile Stefano Ciafaloni, offre servizi di brokeraggio di noleggio auto a lungo termine. Tali soluzioni sono personalizzate sulla base delle richieste del cliente: moto, auto o veicoli commerciali sono a completa disposizione a seconda delle differenti necessità. Il noleggio a lungo termine offre, infatti, il vantaggio di disporre di un veicolo senza essere soggetti agli imprevisti, alle incombenze e alle problematiche dei mezzi di proprietà. Giadil Consulting S.r.l. garantisce i seguenti servizi: scelta delle caratteristiche del veicolo, nessun immobilizzo di capitale, permuta dell'usato, costi certi e pianificabili, azzeramento di tempo e risorse per la gestione, risposte certe alle eventuali necessità attraverso un Customer Service dedicato.

Mario Putin e l’innovazione promossa dalla società Serenissima Ristorazione

Serenissima Ristorazione è oggi una realtà affermata a livello internazionale nel settore della ristorazione commerciale e collettiva. Con servizi dedicati al settore scolastico, commerciale/aziendale e sociosanitario, la società guidata dall'imprenditore Mario Putin si pone come obiettivo la costante ricerca nel campo dell'innovazione e della sostenibilità.

Serenissima Ristorazione
Serenissima Ristorazione e la spinta innovativa promossa da Mario Putin

Con un fatturato di oltre 280 milioni di euro, 13 società controllate e circa 7000 dipendenti, Serenissima Ristorazione è una tra le principali realtà del settore ad investire in modo costante nel settore dell'innovazione e della sostenibilità. Tra i principali investimenti sostenuti nel corso dell'ultimo periodo, la società ha posto particolare attenzione sui lavori di ampliamento del centro cottura in legame refrigerato costruito a Boara Pisani, in provincia di Padova. Con l'obiettivo di fornire un servizio di ristorazione caratterizzato dai più alti standard igienico-sanitari senza intaccare la qualità e la differenziazione dei menu offerti, Serenissima Ristorazione, sotto la spinta del presidente Mario Putin, sta realizzando una nuova area produttiva e logistica con le più innovative e tecnologicamente avanzate attrezzature. Con un investimento di 30 milioni di euro, il nuovo centro cottura si estenderà per una superficie di 12 mila metri quadri, e con oltre 300 operatori impegnati al suo interno si posizionerà tra i centri cottura più moderni e tecnologicamente avanzati d'Europa.


Mario Putin e i servizi promossi nel comparto socio sanitario dalla società Serenissima Ristorazione

Il settore della ristorazione socio-sanitaria rappresenta per Serenissima Ristorazione uno tra i principali ambiti di specializzazione. Grazie al centro di cottura di Boara Pisani, un numero sempre crescente di strutture socio-sanitarie hanno manifestato l'interesse e la propensione all'utilizzo della tecnica Cook & Chill. Attualmente, la società gestita dall'imprenditore Mario Putin, offre il proprio servizio di ristorazione ad oltre 60 strutture ospedaliere. La scelta di implementare e promuovere questa tecnica innovativa nel settore del, permette alla società una minimizzazione del rischio microbiologico, nonché risolvere i principali problemi di logistica e trasposto.

Pubblicare i tuoi comunicati su siti tematici

L'attività di promozione e divulgazione di articoli e comunicati stampa rimane ancora oggi un'attività importante per SEO e operatori della comunicazione. Nonostante la flessione di alcuni fattori di ranking e le nuove linee guida di qualità dei contenuti e dei link, l'attività di content marketing per i SEO è una miniera d'oro. La generazione di contenuti duplicati, nel corso della storia del posizionamento sui motori di ricerca, è sempre stato un argomento dibattuto: dagli elementi più palesi a veri e propri estratti di testo, se interamente duplicati sono estremamente dannosi. Pubblicare articoli su siti esterni e in particolare i comunicati stampa ha senso se l'attività viene intesa come una positiva divulgazione che mira ad informare, più che a falsare o pompare i risultati della propria campagna SEO. Non più quindi mera link building spudorata e con un approccio "al kilo", ma una selezione di articoli, siti e messaggi da convogliare sul web. In tal senso segnalo alcuni nuovi siti su cui diffondere articoli informativi e comunicati stampa, verticalizzati su diversi settori. Essi sono:

giovedì 28 aprile 2016

Facility management e general contracting, le competenze dell’Ing. Alessandro Belloni e di FSI S.r.l.

Nel ruolo di Presidente e Consigliere Delegato di FSI S.r.l., l'Ing. Alessandro Belloni ha registrato negli anni un trend di crescita costante della società, affermandosi anche all'interno del panorama internazionale dedicato al facility management e general contracting.

Alessandro Belloni e l'attività di FSI S.r.l. nel settore del facility management

Alessandro BelloniSotto la direzione dell'ing. Alessandro BelloniFSI S.r.l. è una tra le principali realtà italiane attive nel settore del Facility Management. Oltre a migliorare la gestione e lo svolgimento di attività non presenti nel core-business dei clienti, FSI S.r.l. propone servizi dedicati alla gestione integrata di servizi per il funzionamento, la fruizione e la valorizzazione di beni immobiliari e urbani. Con un approccio innovativo, la società guidata dall'Ing. Alessandro Belloni si rivolge al mercato proponendo soluzioni integrate inerenti a servizi, lavori e tutte le attività dedicate al supporto di una conduzione e gestione efficiente degli impianti e degli spazi al fine di garantirne la corretta fruibilità. Con soluzioni dedicate alle singole esigenze del cliente, la società offre servizi tecnici in merito alla manutenzione ordinaria e straordinaria di impianti elettrici, termo-meccanici ed idraulici, con attenzione particolare verso il risparmio energetico.

General contracting, i servizi offerti da FSI S.r.l. e dall' Ing. Alessandro Belloni

In concomitanza con le attività dedicate al facility management, la società FSI S.r.l. è in grado di supportare i propri clienti anche nelle diverse fasi di implementazione delle opere, dalla realizzazione fino al collaudo e al rilascio. La società, con il presidente Alessandro Belloni, si pone come interlocutore unico nei confronti del cliente, concentrando su di sé responsabilità operative ed esecutive, nonché il coordinamento delle risorse e dei servizi connessi alla realizzazione. Nel pieno rispetto anche dei metodi e delle tempistiche di realizzazione definite in fase progettuale, FSI S.r.l. si pone come responsabile della gestione tecnico-documentale, mettendo a disposizione del cliente la propria competenza attraverso un team dedicato per ogni fase dell'attività.

Evelina Manna e la nascita di Moodyproduction, casa di produzione di film indipendenti

Titolare di Moodyproduction, Evelina Manna ha lavorato come modella e attrice per alcuni dei più importanti fotografi e registi a livello nazionale e internazionale.

Evelina Manna: moda, recitazione e produzione

Evelina Manna, modella, attrice e produttriceRomana, figlia di genitori pugliesi, Evelina Manna rimane affascinata sin da bambina dal mondo dello spettacolo, sviluppando una passione per la danza classica e per la recitazione. Due sono le figure di riferimento alle quali ispirarsi: Carla Fracci e Charlie Chaplin. I primi passi professionali sono però nel mondo della moda, settore all'interno del quale si consacra, lavorando per i più grandi fotografi a livello mondiale. Durante un viaggio a Londra conosce Susan Strasberg, la quale le consiglia di dedicarsi alla sua passione per la recitazione e di iscriversi ai seminari dell'Actor's Studio, una palestra estremamente formativa. È questo il preludio alla carriera teatrale, prima nell'off Broadway e poi a Roma. Il passaggio alla televisione è breve: esordisce con Padre Pio, miniserie televisiva trasmessa da Rai Uno, e La guerra è finita. Anche il cinema si accorge di lei: Alessandro D'Alatri la sceglie per Casomai e Mimmo Calopresti per il suo cortometraggio, presentato alla 61esima Mostra del Cinema di Venezia, Una bellissima bambina. Recita, inoltre, in una grande produzione americana, Alexander, diretta da Oliver Stone. Nel 2008, insieme a un gruppo di professionisti, avvia Moodyproduction, occupandosi in prima persona della produzione di progetti indipendenti.

Moodyproduction: la trilogia sociale e Vinodentro

Evelina Manna si inserisce con Moodyproduction all'interno del poliedrico mondo del cinema e della TV con l'obiettivo di dare forma a progetti indipendenti legati alla cultura e al sociale. Il primo di questi è Breaking the Silence, spot contro la violenza sulle donne realizzato tra il 2008 e il 2009 per la Comunità Europea. Il secondo progetto della "trilogia sociale" è rappresentato da A Day & a Minute, cortometraggio sul tema dell'immigrazione che ha partecipato al Taormina Film Fest 2011. A chiudere, Let's Fall in Love, spot contro l'omofobia, presentato in esclusiva al Palermo Pride, diretto da Pappi Corsicato. Nel 2014, Moodyproduction ha lavorato alla produzione, in collaborazione con Alba Produzioni, di Vinodentro, commedia dai risvolti noir diretta da Ferdinando Vicentini Orgnani e interpretata da Pietro Sermonti, Giovanna Mezzogiorno, Lambert Wilson e Vincenzo Amato. Il film è stato distribuito a livello internazionale, arrivando in Francia, Brasile, Stati Uniti, Taiwan, Australia e Danimarca.

La Repubblica racconta la corte dell’artista internazionale Prince per Francesca Dellera

Il quotidiano La Repubblica intervista la bellissima Francesca Dellera che ricorda il grande artista Prince come un corteggiatore romantico e assiduo che venne apposta da Mineapolis a Parigi per conoscerla e cominciò a farle la corte affittando interi locali solo per loro e le propose anche di essere protagonista in un suo videoclip.
Francesca Dellera
Francesca Dellera - Prince

Il corteggiamento di Prince nei confronti dell'affascinante attrice e modella italiana Francesca Dellera

In un recente articolo pubblicato sul quotidiano La Repubblica, l'affascinate Francesca Dellera ricorda la famosa star sotto la veste di corteggiatore romantico, capace di follie per conquistare il suo cuore. Dopo lunghissime telefonate dagli Stati Uniti e numerosi inviti, Prince decise di recarsi da Minneapolis a Parigi per incontrare la seducente Francesca Dellera, in quel momento impegnata come modella d'eccezione per il grande stilista Jean-Paul Gaultier. Da quel momento, Prince intraprende un corteggiamento romantico e serrato, che lo porta a distinguersi non come star arrogante, ma come un vero principe azzurro dai modi gentili e rispettosi, capace di farla sentire sempre protagonista di una vera e propria fiaba. L'artista internazionale affittò un intero cinema per vedere La Carne, il film che Francesca Dellera aveva appena girato con Marco Ferreri e che era stato presentato in concorso a Cannes.
Francesca DelleraPhoto - Francesca DelleraLui - Francesca Dellera
Nel corso dell'intervista, Francesca Dellera racconta come Prince fosse una persona piacevole, garbata, ma anche un monarca assoluto: "Era all'apice del successo, il suo Diamonds and Pearls era la hit mondiale del momento. Ma non amava stare in mezzo alla gente: è sempre stato schivo, segreto. Timido, come poi ho scoperto: diventava un altro sul palco." Artista eclettico, unico nel suo genere, la star era una figura ribelle e determinata, abituato ad avere tutto dalla vita e non ricevere mai dei no. Prince voleva portare con lui la bellissima Francesca per registrare insieme a lei il suo nuovo video dove Francesca Dellera ne sarebbe stata protagonista con la sua immagine, un occasione enorme per la sua carriera. Ma lei in quel periodo viveva a Parigi con il suo fidanzato molto geloso e ammirata dai fan di tutto il mondo anche per il suo essere indipendente ed anarchica, rifiutò in quanto: "A Minneapolis, mi sarei sentita prigioniera: in una reggia, ma prigioniera. No. Ho cancellato il finale di una bella favola. Per me la morte di Prince non è solo la scomparsa dolorosa di un mito. È l'addio del mio Principe Azzurro".
Francesca DelleraFrancesca DelleraFrancesca Dellera

Leggi l'intervista completa rilasciata dall'affascinante Francesca Dellera a La Repubblica

V8 Serramenti, finestre e portefinestre in legno: qualche chiarimento su legno lamellare e massello

BRESCIA. Quando si devono scegliere dei nuovi serramenti per la propria casa, ad ogni buon conto si sta facendo un investimento, piccolo o grande che sia. L'esborso sarà consistente, dunque sarà meglio ragionarlo bene e soprattutto… spendere bene!

Come per molti altri acquisti, anche nell’ambito dei serramenti in legno vi è un gran numero di opzioni, caratteristiche e varianti. Le finestre e le portefinestre, infatti, possono essere realizzate anzitutto con diversi tipi di legno: dai più comuni legni “morbidi” come il pino o l’abete ai legni “duri” come il rovere o il larice, passando per douglas, hemlock, okoumé, meranti, ecc. Tutte queste sono specie legnose adatte all’impiego nella costruzione di infissi.

Ma qui spesso si pone un interrogativo difficile, per chi non sia un po’ addentro nel settore: legno massiccio (detto anche massello) o lamellare?

A questo punto, tanto varrebbe domandarsi in primo luogo: cosa s’intende, in effetti, per legno lamellare? E che differenza c’è con il massello?

Il massello o legno massiccio è ricavato dalla parte più interna (e quindi più solida) del tronco dell’albero: così, mentre la sua resistenza è senz’altro eccellente, al tempo stesso risente maggiormente delle cosiddette “correnti” che attraversano la pianta e che non si arrestano con il taglio della stessa. Il legno, come è noto, è un materiale “vivo” e questa sua vitalità è espressa anche dal movimento che avviene al di sotto della corteccia. Addirittura, in taluni casi può avvenire che dai manufatti in massello di pino fuoriesca della resina.

Il legno lamellare, invece, è composto da tre tavole di legno essiccato (che si chiamano per l’appunto “lamelle”) incollate l’una sull’altra mediante una specifica lavorazione a pressione che le rende indeformabili, ne migliora le prestazioni meccaniche e annulla le tensioni intrinseche perché le fibre della pianta vengono contrapposte.

Tutte le specie legnose menzionate prima possono essere trasformate in lamellare, ma a maggior ragione nell’ambito dei serramenti è un fattore di rilievo che venga adoperato del legno lamellare ben stagionato e ben selezionato, specialmente in questi ultimi anni in cui lo standard dei requisiti tecnici per le costruzioni e (ad esempio) per il conseguimento del «risparmio energetico» è sempre più rigoroso.

È pur vero che il massello, se viene scelto in modo esperto e coscienzioso e poi stagionato ed essiccato nel modo corretto, non risente più di tensioni che, per l’appunto, sono state sfogate durante il periodo di riposo. Similmente, persino un lamellare in cui il legno, prima di essere stato disposto in liste ed incollato, non è stato stagionato adeguatamente, potrebbe rivelarsi meno valido di un massello di alta qualità e addirittura, un domani, imbarcarsi.

Per esempio, i serramenti in douglas vengono comunemente realizzati in massello perché questa specifica specie legnosa, una volta essiccata e stagionata in modo corretto, non dà più problemi di stabilità.
Quando, comunque, l’azienda alla quale ci si rivolge è affidabile e referenziata e può contare su una produzione certificata e su una buona esperienza nel settore, il più delle volte la scelta del legno lamellare rappresenta la più indicata nei contesti abitativi: stabilità, durevolezza, estetica moderna sono i pregi ormai universalmente riconosciuti.

Estetica: sì, perché oltre ad evitare la presenza di eventuali nodi del legno, nel lamellare si riscontra anche una venatura più regolare e una più omogenea disposizione ed assorbimento della verniciatura.
Resta da ricordare, infine, che le tavole di legno lamellare possono essere costruite con “giunzioni a pettine” (dette in Inglese «Finger Joint» o F.J.), oppure “a lista intera” (ossia con lamelle uniche più lunghe). Differenziazione, questa, che riguarda principalmente convenienze di produzione e scelte di qualità del materiale: per esempio, se è vero che nel Finger Joint sono ben visibili le caratteristiche giunzioni fra una lamella e l’altra, è anche vero che le lamelle vengono selezionate in modo da formare liste complessivamente prive di difetti.


oOo
Per ulteriori informazioni:
V8 Serramenti - Poncarale (BS)
Tel: 030/2701331 - 335/349917
Fax: 030/6399210
Internet: http://www.serramenti-brescia.com
Facebook: http://facebook.com/serramentieinfissi.brescia
LinkedIn: http://tinyurl.com/V8LkdIn
Twitter: https://twitter.com/serramentiporte
.

oOo



“LA LUNA SI E’ PERSA” È IL NUOVO SINGOLO DEI DOGMA TRATTO DALL’ALBUM “SOSPESI”



L’eterno ed irrisolto conflitto fra il desiderio e l’oggetto desiderato condensato in una costante tensione attrattiva nei confronti di qualcosa che non si potrà mai raggiungere.

La luna si è persa”, secondo singolo dei Dogma estratto dall’album “Sospesi”, nasce dall'idea di rincarnare lo splendore e il fascino della luna in un essere vivente... una luna che però è talmente pura e di profonda bellezza da diventare irraggiungibile per chiunque la cerchi.





L’album “Sospesi” è stato presentato in anteprima durante l'estate 2015 di fronte a migliaia di persone, in concerti che hanno visto la partecipazione di Eugenio Finardi, Cristiano De Andrè, le Custodie Cautelari, Steff Burns, Maurizio Solieri e innumerevoli altri artisti.
Le registrazioni sono state effettuate tra Parma e Londra. Mixaggio e produzione artistica dell'album dei Dogma sono a cura di Ettore Diliberto per ET-TEAM con la supervisione di Anna Portalupi.
La scelta di intitolare il disco “Sospesi" nasce da due motivi:

«Il primo è perché crediamo che chi insegua un sogno, conduca una vita appunto “sospesa” dalla realtà per alcuni versi, e poi perché le nostre canzoni, anche se parlano d’amore, non hanno mai una conclusione certa…lasciamo la situazione appunto in sospeso, in modo da far immaginare il finale a chi ci ascolta». Dogma

DICONO DI LORO:

Quello dei Dogma è un concentrato di pop che ha evidenti venature rock, che a tratti si fa anche epico come nella opening track “Natura perversa”, ma che sostanzialmente resta in quel bellissimo sentore di orchestrazioni e liriche che corteggiano la parola cantata e ne fanno un tutt’uno ricco di gusto e di energia. Fullsong

Un bel disco che guarda in faccia chi siamo e da dove veniamo e noi, in questo bel paese, abbiamo insegnato al mondo come si fa un certo tipo di musica. Exitwell

Dieci tracce che ci fanno assaporare tra ricercatezza e una graffiante infusione di strumenti, la loro ispirazione musicale. A partire da “Natura Perversa”, un pezzo che ha visto la band coinvolta nel film “Enygma” del regista Alessandro Valenti, si apre con un rock quasi psichedelico che lascia il posto al timbro vocale appassionato. Mydreams

Un discreto esordio per i Dogma, che dimostrano maturità musicale e personalità nel seguire certe strade ultimamente poco battute.. Clapbands

Perché “Sospesi” è per i DOGMA un lavoro di grande impatto scenico, orchestrale, rock e testuale. L’intelligenza e il mestiere di arrivare dritti al punto, forse colpendo a pieno un target adolescenziale seguendo il vocabolario utile allo scopo. Niente di scontato ragazzi. Questi sono i DOGMA! Qubemusic

Il disco sembra una fotografia scattata proprio negli anni '90 perchè è da li che proviene e ne risente sia la musica che la voce ed i testi. Fondamentalmente è un disco puramente "rock d'amore" … Shake-Grandi Palle Di Fuoco
Dolcezza energia e potenza declinate in modo personale, riporti di pregio a grandi band pop-rock ma senza similitudini. I Dogma a mio parere hanno tra le loro mani tutti gli strumenti per scrivere la loro pagina personale sul grande libro del rock. Quadriproject

Un bel disco rock, onesto, intenso. Un album power ballad vecchia scuola che incontreranno sicuramente il gusto dei nostalgici di un certo tipo di musica ma non solo. Andergraund

Sospesi” è un disco dall’approccio diretto, in cui le chitarre graffiano e s’impongono, divenendo lo scheletro d’un sound che magari non brillerà particolarmente in termini di originalità, ma che comunque rappresenta l’anima di una band giovane e con buonissime potenzialità. MusicMap

Un concentrato di 10 pillole che dal rock dal sentore epico sfociano in romantiche ballate pop dal retrogusto digitale. Musicalnews

Prima prova per i DOGMA che dimostrano di avere le idee ben chiare: ottima tecnica, pragmatismo per quel che riguarda la direzione sonora e ottimi gusti nella stesura dei brani (liriche e musiche). Viva Low Cost

Con questo “Sospesi” si confeziona a mano armata l’energia imperante dei DOGMA che con un pop epico di sfacciata fattura americana, restituiscono alla loro lunga gavetta di palchi e di concerti al fianco di big della scena, il giusto valore umano, artistico e – ovviamente – professionale. Uno scrigno prezioso in cui i nostri racchiudono il meglio delle loro produzioni di questi anni. Vento Nuovo


BIO
La band nasce nel 2013 a Chivasso (TO) e dopo vari cambi di line up è arrivata all’attuale formazione, costituita da Beniamino Cristiano alla voce, Armando Calabritto alla chitarra, Tony Scalise al basso, Andrea Ramondetti alla batteria. Il gruppo trova in Beniamino l’autore principale dei propri brani.
La possibilità di concretizzare il progetto attraverso un album e diversi concerti arriva dalla scelta della band di affidarsi alla produzione artistica di Ettore Diliberto per l’etichetta Et-Team, il quale prende parte anche agli arrangiamenti dei brani stessi.
Nasce così quello che sarebbe stato battezzato “l’effetto Dogma”, dove la band testa la sua consistenza in concerti di apertura a Cristiano De Andrè, Custodie Cautelari, Eugenio Finardi, Maurizio Solieri, Stef Burns, Mogol e tanti altri.
Concerti di fronte a migliaia di persone, dove la band ha potuto acquisire la necessaria concreta consapevolezza di sé.
Parallelamente, le registrazioni sono andate avanti tra Parma, Milano e Torino, dove si è vista la partecipazione di Jacopo Garimanno per le registrazioni delle chitarre soliste. In alcune tracce la band ha ospitato Alex Polifrone alla batteria, prima dell’ingresso definitivo dell’eccelso Andrea Ramondetti.
Le ritmiche e i bassi di Tony Scalise sono stati curati dalla nota bassista Anna Portalupi (Tarja Turunen, Notte delle chitarre, Cristiano De Andrè), e tutto ciò stato assemblato e completato con Ettore Diliberto (Custodie Cautelari, Finardi, Notte delle chitarre ecc).
Il viaggio a Londra a cavallo tra settembre e ottobre 2015, ha visto la band completare il singolo “Inconsapevole” presso gli Abbey Road Studios di Londra, dove il mastering è stato effettuato da Simon Gibson, già vincitore del Grammy Awards per il remastering dell’opera omnia dei Beatles.
La band è stata inoltre coinvolta con il brano "Natura Perversa" nel film "Enygma" del regista Alessandro Valenti, in uscita nel 2016. Il 5 marzo 2016 la band è stata introdotta nella rubrica settimanale curata da Vincenzo Mollica “DoReCiakGulp” sul TG1 nazionale (RAI1).

Produzione: ET-TEAM Produzioni discografiche.

CONTATTI & SOCIAL:


mercoledì 27 aprile 2016

LA MALORA E QUIET SONIC IN CONCERTO a Castelrock Primo maggio



Domenica primo maggio le due band dell’etichetta piacentina Orzorock Music, presenteranno i loro rispettivi album nella cornice della fortezza di Castelfranco Finale Ligure (SV).




Il 30 aprile e il primo maggio si terranno due giorni di musica presso il castello di Castelfranco, (Via Generale Enrico Caviglia a Finale Ligure), organizzati da Castelrock, associazione culturale per la promozione e diffusione della musica dal vivo.
Tra le band che saliranno sul palco nel giorno della festa del lavoro troviamo i Quiet Sonic già in radio con il loro singolo d’esordio “Gullit” apripista all’album che porta il loro nome il quale verrà presentato proprio quello stesso giorno. Di seguito il link al videoclipwww.youtube.com/watch?v=oKPWzXFQk0U.

Sempre per scuderia Orzorock Music, etichetta legata all’omonimo festival piacentino giunto alla 19esima edizione, il gruppo alternative La Malora presenterà il suo primo lavoro discografico nello stesso contesto, anticipato dal singolo intitolato “Claudio Baglioni” visibile al link: www.youtube.com/watch?v=nlIIBbez8go.


BIO QUIET SONIC
La band si forma a fine 2014 ed è composta da quattro elementi provenienti da gruppi ben conosciuti nel panorama indie piacentino: inizialmente i fondatori sono Riccardo Molinari (chitarra, Jack Folla e Verginal Think), Marco Cavozzi (basso, Noema) e Andrea Occhi (batteria, Noema) a cui si aggiunge come cantante Alberto Zucconi (già Misfatto e Zebra Fink). Parallelamente inizia la collaborazione con Elena Saltarelli in qualità di autrice dei testi. Dopo aver condiviso dunque tanti palchi arriva il momento per loro di condividere la stessa sala prove cercando di dar forma alla passione che i quattro hanno in comune per la scena rock degli anni Novanta e Duemila, che ha in gruppi quali Red Hot Chili Peppers, Soundgarden, Audioslave, Nirvana, Pearl Jam, Alice in Chains e Foo Fighters (solo per citarne alcuni) i principali riferimenti. Si tratta di quel rock che, seppur intriso da varie contaminazioni, vive senza i vari (e spesso modaioli) prefissi post, alt, indie e via dicendo.
Nel giro di un anno vengono dati alla luce nove brani e grazie alla partecipazione ad alcuni festival musicali piacentini (TendenzeWhy Not? Festival) l’etichetta Orzorock Music li conosce e decide di produrre il loro primo album.

BIO LA MALORA
La Malora muove i suoi primi passi alla fine del 2011, iniziando a costruire un suono elettroacustico sui pezzi in italiano di Sergio e Anna. Raccolti un po' alla volta i componenti, dopo alcuni cambi di formazione, La Malora è oggi: Sergio Del Sabato (voce – chitarra), Federico Chigo Garbarino (basso voce), Paolo Patanè (batteria), Giorgio Viviani (chitarra – tastiere).
Il 22 aprile 2016 uscirà per Orzorock Music il 
primo disco di La Malora, "La malattia mentale è contagiosa", con la produzione artistica di Andrea Cavalieri (Ensemble di Musiche Possibili, Yo Yo Mundi).


CONTATTI & SOCIAL

Facebook Quiet Sonic: www.facebook.com/QuietSonic

Etichetta Discografica: www.orzorock.it - Facebook Orzorock Music: www.facebook.com/orzorockmusic

PAUL GIORGI: “LE REGOLE” E' IL SUO NUOVO SINGOLO AUTOPRODOTTO



Un brano sull'amore a 360 gradi, su ciò che gli gira intorno, le persone, i sentimenti felici, quelli tristi, le storie vissute vere e sincere.






Il brano è nato alla fine dell’estate del 2015, nella casa di campagna di famiglia, in una bellissima giornata di sole.
Nel silenzio e nella tranquillità, Paul ha provato a tirare un po' le somme, raccontare una storia d'amore tipicamente estiva, dove due ragazzi si incontrano, si innamorano e un po' si feriscono. Ma nonostante le ferite, eccoli di nuovo trovarsi, pronti ad una nuova estate, a due nuovi loro, ad un ennesimo nuovo inizio.
Le regole di questo amore nascono ogni bella stagione e con loro nasce la speranza di una storia che possa resistere al tempo. Ma, come tutti sappiamo, in amore non esistono regole.
Suonano nel brano Gianmarco Spaccasassi alla batteria, Mattia De Berardinis al basso, Mattia Parissi alle tastiere, e Paul alle chitarre, voce e cori.
Le regole” è una sorta di nuova direzione che Paul cerca di imboccare dopo la pubblicazione della demo con il suo gruppo “The Koffees”. L'obiettivo è quello di poter suonare sempre più spesso in giro, dal vivo, portare la propria musica oltre le mura di “casa propria”.

BIO
Paolo Giorgi nasce ad Ascoli Piceno il 19 maggio 1995, ma dal periodo delle medie, forse per una sua fissazione con l'Inghilterra e la sua musica, i suoi amici lo chiamano Paul.
Sua madre aveva in casa vinili di Battisti, Venditti e altri, fino gli Abba, e quando era piccolo, per ascoltarli dovevano andare dalla nonna per usare il suo giradischi.
Inizia a studiare tastiera a 5 anni, abbandonata poi per suonare la chitarra a 12 anni.
Il fratello studiava canto e ogni tanto si ritrovavano a cantare insieme.
Passando attraverso molti generi diversi, dal rap, al metal, al jazz, al rock, al pop, Paolo si definisce un tipo “camaleontico”.
Nel 2011 vince il primo premio suonando un brano di Joe Satriani al 2° Festival di Alatri “Voci in musica”€.
Studia jazz per 5 anni con il professore Francesco Ghezzi e grazie a lui inizia a scrivere i suoi primi brani strumentali. Suonando in un quintetto riesce ad ottenere il primo premio nel 20° Concorso Lorena Scaccia (2012) organizzato nella sua città.
Nel frattempo suona in varie cover band della zona, variando un repertorio da Aretha Franklin, James Brown, Blues Brothers, fino agli Stadio, Laura Pausini e un gruppo pop rock inedito.
Il 24 dicembre 2013 registra la sua prima canzone cantata, in inglese, “Seaside song”.
Nel 2014 si diploma all'Istituto Tecnico Biologico con 100/100 e ottiene un diploma triennale alla Music Academy Italy in chitarra anche qui con punteggio massimo.
Inizia il primo anno di Ingegneria Biomedica a settembre 2014.
Ad ottobre 2014 vince due borse di studio al Festival delle Generazioni di Firenze: una breve per interpreti (effettuata i primi di settembre), una intera per autori (a cui parteciperà a breve) presso il CET di Mogol.
Da gennaio 2015 insegna Musica presso la Scuola in cui ha studiato.
Ad aprile 2015 fonda i The Koffees (con Mattia De Berardinis e Gianmarco Spaccassassi) con i quali suona sia inediti che cover reinterpretate.


CONTATTI & SOCIAL:
Facebook https://www.facebook.com/paulgiorgimusic
Facebook The Koffees https://www.facebook.com/thekoffees/

martedì 26 aprile 2016

CORTEX: “CAPITANO TUTTE A ME” È IL SUO NUOVO SINGOLO TRATTO DALL’ALBUM “MISERIA E LIBERTÀ”


Un’istantanea di vita quotidiana relazionata ad attimi di vita passata per cercare di dar risposta ad una domanda che in molti si fanno:
ma chissà perché capitano tutte a me!?”

Una chitarra elettrica, una farfisa ed una batteria coadiuvate da parole raccolte in un testo che fotografano la vita: tutto questo è “Capitano tutte a me”, nuovo brano di CORTEX. Il cantautore dal carattere forte, arrogante e pungente descrive la realtà dei nostri giorni come un visionario decadente. Si identifica infatti come un sognatore disilluso che stuzzica e punge la sensibilità del pubblico su temi scottanti ed attuali.




Nei suoi show Cortex si presenta solo sul palco con una chitarra elettrica ed una stomp-box lo-fi che usa come una batteria, un fischio, due armoniche ed una voce: questa è la formula per affrontare i live.
In studio invece usa principalmente amplificatori valvolari, chitarre vintage, pianoforti acustici e registratori a nastro.
Miseria e libertà” è il suo ultimo lavoro in studio, è stato registrato a Trieste da CORTEX con l'aiuto di Abba-Zabba e mixato a Torino ai M.a.m. studio da Riccardo Parravicini. Nel disco, dove tutti gli strumenti sono suonati dallo stesso cantautore, si evidenzia un interessante featuring con Alberto Bianco che sbuca come ospite nella prima canzone del disco.

BIO
Il progetto CORTEX nasce nel 2007 quando esce il primo omonimo disco per l'etichetta udinese Arab Sheep. Nel 2008 suonando al Piper di Roma alla finale de Tourmusicfest Mogol nota e premia Cortex per i testi assegnandogli una borsa di studio per il C.e.t. .
Nel 2010 - 2011 si dedica ad autoriduzioni sul web e a suonare dal vivo.
Nel 2013 esce 
Cinico Romantico per Maninalto! Records di Milano, viene definito cantatore blues lo-fi ottenendo buone critiche dalla stampa dal web e dalle radio, ad ottobre 2013 viene istituito artista della settimana da MTV New Generation.Nel 2014 apre i concerti di Tonino Carotone e suona all'after party del concerto di Manu Chao. A settembre riceve il premio Superstage al Mei di Faenza come miglior artista emergente dell'anno.
Nel 2015 registra il suo terzo album che viene scelto assieme ad altri 10 artisti italiani da 
Irmarecords in collaborazione con Radiocoop  per far parte della collana "Mi sento indie" uscita prevista per aprile 2016 distribuita in tutta Italia in esclusiva per le librerie Coop.
ETICHETTA: IRAMRECORDS E RADIOCOOP

CONTATTI & SOCIAL:

Jazz a la Tavernetta con Andrea Infusino Group

Andrea Infusino Jazz Group, live al Tavernetta di Pianopoli, 29 Aprile 2016 ore 22:00. Concerto live jazz al ristorante jazz Club La Tavernetta di Pianopoli (CZ) con Andrea Infusino Group. Nello scenario del caratteristico ristorante, si esibiranno Andrea Infusino (compositore, chitarra), Danilo Guido (sax) e Francesco Leone (basso) in un ensamble ridotto drumless per l'occasione, proponendo brani jazz originali scritti dallo stesso Andrea Infusino, e standard jazz passando per la musica italiana riarrangiata e adattata per l'occasione. Nella serata lo spettacolo è aperto al pubblico senza costi di ingresso; è offerta la possibilità di trattenersi per il concerto o per cena, gustando la tipica cucina del ristorante la Tavernetta. Il progetto musicale Andrea Infusino Group, nasce nel 2015 con l'intenzione di proporre brani originali con sonorità e caratteristiche proprie del jazz e del bebop. Grazie all'esperienza maturata in questo genere musicale, i brani offrono all'ascoltatore diversi spunti ritmici e armonici riconoscibili dell'idioma afro-europeo-americano, con arrangiamenti e orchestrazioni personalizzate. Inoltre è stato curato anche l'uso degli strumenti e delle sonorità, proprie invece della musica mediterranea, offrendo un ulteriore grado di freschezza alle esibizioni. Il progetto musicale è, infine, composto da musicisti e artisti attivi nelle produzioni originali e nel settore musicale: l'abilità del M° Danilo Guido ai sax e clarinetto offrono uno spessore musicale e sonorità istintive uniche, così come il solido e creativo supporto al basso e contrabbsso di Francesco Leone permettono al gruppo di effettuare escursioni estemporanee in regioni armoniche inaspettate. La filosofia del gruppo, mutuata in gran parte dall'approccio jazzistico, è incentrato su un forte interplay e comunicatività fra gli elementi: la musica è un linguaggio universale e su questo fondamento il progetto riesce a creare momenti di interplay e deviazioni sempre nuove. Ogni concerto jazz è un concerto a sè, ancor di più questo accade nei concerti del Andrea Infusino Group.

lunedì 25 aprile 2016

Cartomanzia da cellulare a basso costo con carta di credito: professionalità e convenienza!

Un portale con il servizio di cartomanzia da telefono cellulare ( e non solo) con i prezzi più bassi esistenti sul mercato. E con pagamento tramite carta di credito! Ecco un grande portale dedito alla cartomanzia ed alla lettura ed interpretazione di carte e di tarocchi: stiamo parlando di Cartomanziadacellulareabassocosto.it! 

Questo centro servizi permette a tutti di usufruire di tariffe eccezionali, basse perché a meno di un euro al minuto, sia chiamando da rete fissa che mobile ed a prezzi sorprendenti, perché chiari, trasparenti e IVA inclusa. Pagare con carta di credito conviene! Si tratta di un metodo di pagamento comodo e veloce, ma anche sicuro e facile, che consente all'utente di spendere pochissimo e di ottenere, attraverso una semplice telefonata, le risposte ai tormentosi dubbi che attanagliano la nostra esistenza. 
 
La cartomante analizzerà il singolo caso attraverso metodi di lettura e di interpretazione che affondano le proprie radici in tempi lontanissimi e che sono in grado di fornire risposte veritiere e molto affidabili. Tra essi, ricordiamo il “ventaglio della zingara”, il metodo “del si e del no”, della “data di nascita” e delle “tre carte”. Il servizio è disponibile tutti i giorni, compreso il sabato e la domenica, 24 ore su 24.

Ecco i numeri da chiamare per pagare tramite carta di credito:
  • 0423.70.52.06: che è in promozione, a soli 0.54 euro al minuto ed è attivo dalle 22.00 alle 1.00 di notte!
  • 0423.70.52.08: a soli 0.72 euro al minuto, 24 ore su 24 e ben sette giorni su sette, per poter parlare, come nel primo caso, con i migliori cartomanti e sensitivi del panorama nazionale;
  • 0423.70.52.21, per essere messo in contatto subito con una cartomante sensitiva, che farà luce sul passato, sulle questione aperte del presente e vi indicherà la via maestra per affrontare serenamente il futuro.
  • 0423.70.52.21, per poter acquistare pacchetti prepagati a partire da 5.00 euro con minuti di conversazione da spendere anche su più telefonate. Ed a tal proposito, a breve saranno disponibili pacchetti con minuti prepagati da acquistare con carta di credito a partire da soli 3.00 euro!
Se il mondo della cartomanzia vi affascina, non esitate a comporre i numeri sopraindicati ed a scoprire che cosa vi riserverà il futuro, le questioni che ancora bruciano del passato e quale piega prenderanno le attuali situazioni legate al vivere quotidiano. Non resta che visitare Cartomanziadacellulareabassocosto.it per saperne di più!

venerdì 22 aprile 2016

Concerto di Andrea Infusino al Cavern Club di Cosenza 24 Aprile

Domenica 24 Aprile, presso il Cavern Club – Circolo Arci di Cosenza, serata di jazz "Liberation Swing" con Andrea Infusino al Contrabbasso. Il gruppo, nato per riproporre i classici della musica italiana in chiave swing, è composto da Pierluigi Abate - chitarra, Andrea Infusino - contrabbasso, Gianpaolo Noce - batteria, Emanuele Orrico - fisarmonica, Francesco Romeo - sax e clarino, Maria Rosa Vuono. Un progetto, esteso grazie ai mucisti dell'Italian Swing Quartet, cioè Andrea Infusino al Contrabbasso, Emanuele Orrico, Pierluigi Abate e Francesco Romeo, che intende lo swing come musica di liberazione e di contaminazione, fa da sottofondo alla mostra PunkAstrattismo di Luca Rota. Le due rappresentazioni, musicale e visiva, si fondono nella tematica di liberazione e contaminazione della serata offerta dal Cavern Club di Cosenza, come alternativa culturale al sabato sera in città. Un ponte fra gli Stati Uniti e il vecchio continente viene costruito con le note del gruppo musicale col "Liberation Swing", che ripercorre i successi del pre e dopo guerra, di quegli anni di crescita e rinascita che la musica ha in quel tempo tanto rappresentato e ambito. La scelta dei brani è tanto semplice quanto raffinata: brani musicali adatti a essere ballati o solo ascoltati, che comunicano un significato di liberazione che non può essere negato. E il ponte continua con la rappresentazione: contaminazione nella contaminazione, con un approccio alla serata poliedrico e sinestetico. Una serata promossa e sostenuta dal Cavern Club per veri intenditori e amanti dell'arte. Da sempre realtà attiva nella città di Cosenza per la sua offerta culturale e fruizione in un club adatto a rappresentazioni musicali e teatrali. Un contesto intimo e accogliente dove lo spettacolo è al centro, fra lo spettatore e l'esecutore. Per partecipare è necessaria prenotazione e acquisto dell'ingresso a 10 euro.

giovedì 21 aprile 2016

Tre grandi maestri della fotografia immortalano la sensuale attrice Francesca Dellera

Francesca Dellera, bellezza del mondo della fotografia e del cinema nazionale ed internazionale ha affascinato i più grandi maestri: da Helmut Newton, le cui foto memorabili sono apparse su riviste prestigiose come Vogue, Harper's Bazaar, Elle, GQ, Vanity Fair, Max e Marie Claire; a André Rau che oltre alla bellissima Francesca Dellera è famoso per i ritratti di Catherine Deneuve o Penelope Cruz o le campagne pubblicitarie per Dior o Yves Saint Laurent; per finire con Dominique Isserman, che con il suo raffinato bianconero, ha contribuito ad aumentare il fascino di Francesca Dellera.

Francesca Dellera - EllePhoto - Francesca DelleraFrancesca DelleraCinema - Francesca Dellera

Con il suo sguardo profondo ed intrigante e le sue forme sensuali Francesca Dellera, fin dall'inizio della sua carriera, ha incantato tutti i più rinomati fotografi internazionali, Helmut Newton, André Rau e Dominique Issermann sono solo tre dei tanti fotografi che hanno voluto ritrarla, come testimoniano le tante copertine di riviste prestigiose a lei dedicate che potete trovare nella sezione download del sito www.francescadellera.com

.Francesca DelleraFrancesca DelleraChorus - Francesca Dellera

Con il candore della sua pelle, Francesca Dellera è sempre stata la modella preferita per i servizi di moda o per i ritratti, tanto che anche il grande schermo se ne accorse rendendola famosa come "la pelle più bella del cinema italiano" come la definì il regista Marco Ferreri.

Cerchi un sacco nanna in cotone organico per il tuo bambino? Su Beetuned.com trovi questo e molto altro

Beetuned.com è il rivenditore italiano di Organickid, azienda turca produttrice di abbigliamento per neonato, biologico al 100%. Sempre attenti all’ambiente e alla salute dei tuoi piccoli

Affidabilità e sicurezza sono le parole chiave di Beetuned.com, la sua missione è proporti solo i migliori articoli di abbigliamento per il tuo bebè, tutti realizzati al 100% in cotone organico dall'azienda turca Organickid, famosa per la cura che pone nel produrre capi di qualità sostenendo l'ambiente attraverso prodotti biologici certificati.
cotone organico baby

La sicurezza del cotone biologico per il tuo neonato

Sullo store di Beetuned.com puoi trovare una vasta scelta di articoli di abbigliamento realizzati al 100% in cotone biologico per il tuo neonato, prodotti da Organickid.
L'azienda turca di abbigliamento per bambini in cotone organico 100% certificato si sta muovendo sempre più verso l'estero: prima in Svizzera, Germania, Gran Bretagna e ora in Italia attraverso il webstore www.beetuned.com.
Il cotone organico è un cotone coltivato con metodi e prodotti che hanno un basso impatto sull'ambiente, per la produzione, vengono utilizzati sistemi biologici per fertilizzare il terreno, eliminato l'uso di pesticidi e fertilizzanti chimici, tossici e persistenti nel cotone stesso e nell'ambiente. La produzione di cotone biologico viene certificata da organismi che si occupano di verificare che i produttori utilizzino solo metodi e prodotti permessi nella produzione biologica. I tessuti di Organickid e Beetuned.com hanno ottenuto le certificazioni Fairtrade e Global Organic Textile Standard (GOTS), per la loro affidabilità sia per la salute del tuo bimbo, sia per quella dell'ambiente.

La primavera è arrivata! Scegli il cotone biologico per neonato di Beetuned.com

Con l'arrivo della bella stagione non puoi che rivolgerti a Beetuned.com per l'abbigliamento del tuo neonato.
Lo store online offre una vasta linea di accessori e abbigliamento da 0 a 24 mesi, in particolare pigiamini, felpe, body e tutine per neonato in cotone bio 100%, oltre a prodotti per il bagnetto e la nanna come asciugamani , accappatoi, lenzuola, coperte, e sacco nanna in cotone organico.
Potrai inoltre trovare un assortimento di set new born che saranno un'ottima idea regalo per un evento speciale. Si tratta di una bellissima confezione, composta da 5 o 7 pezzi di abbigliamento e accessori, realizzati interamente in cotone organico 100%.
Visitate il sito per trovare il set più adatto, scegliendo tra tantissime fantasie e colori per maschietti e femminucce.

martedì 19 aprile 2016

“DOMANI NON è PIù QUI” è IL NUOVO SINGOLO DI FORLANI


Una dichiarazione d’amore che cela una denuncia allo spreco di tempo capace di anestetizzare quella che dovrebbe essere l’istintività di un sentimento.


Quello di “Domani non è più qui” è un testo volutamente costruito attraverso parole semplici ma dirette allo stesso tempo: l’immagine e il significato che ne derivano danno vita ad una vera e propria dichiarazione d’amore nei confronti della persona amata.
Il brano però nasconde una seconda anima, quella che evidenzia un’accusa nei confronti del cattivo uso del tempo. Un tempo che dovrebbe esser dedicato all’amare, all’amarsi e al condividere un po’ di se stessi fino ad arrivare alla fusione di due vite in un’unica anima.




FORLANI nasce dal sogno di Marcello Forlani, e diventa ben presto un progetto curato da Marco
Barusso, produttore artistico noto nel panorama musicale.
La coinvolgente passione per la musica di oltremanica influenza la vita di Marcello che impara ben presto a trasferire su carta ogni emozione ed esperienza, non per forza in prima persona.
Si entra così in un vortice dove ogni meticolosa parola d'amore, ma non solo, si intreccia sposandosi in maniera del tutto naturale con note prettamente pop.
Ogni canzone cattura e racconta un pezzo di noi, del passato o del futuro, non dimenticando di porre attenzione su temi puramente attuali.
Il live diventa il momento chiave e vincente: i colori, le immagini, la scelta della luci e le preziose ed appurate collaborazioni di ogni tipo di panorama artistico, dall'arte alla danza, non fanno altro che arricchire ogni evento, reso ancor più speciale dall'affetto e il coinvolgimento del suo pubblico È in questo modo che la musica di Forlani, proponendo i suoi inediti, riesce ad abbracciare ogni generazione raccontando un po’ di sé... e prendendosi un po’ di noi.


BIO
Marcello Forlani (Pescara, 15 maggio 1977) è un cantautore e musicista italiano.
La musica prende lentamente il sopravvento fin dall’adolescenza, catturando a poco a poco la sua attenzione e curiosità. Inizia così ben presto e in maniera autonoma a prendere confidenza con questo mondo: l’alternanza dei tasti bianchi e neri del pianoforte materno e l’esecuzione di opere composte da nomi come Bach e Beethoven, richiamano sempre di più la sua attenzione. Ma sono i Beatles, John Lennon e tutto il sound di oltremanica ad influenzare quella che sarà la sua musica. La sua attitudine per la scrittura si manifesta verso i 15 anni, la penna ed un quaderno della scuola diventano i suoi veri amici.
A 20 anni partecipa all’Accademia di Sanremo e a 22 anni con la sua chitarra si trasferisce a Bologna. Solo o in duo acustici inizia così a prendere sempre più confidenza con la musica e con i live, grazie anche ai consigli, i complimenti o le critiche del pubblico.
L’esperienza bolognese non dura più di due anni: incombe infatti la voglia e la necessità di trasferirsi ancora, ma questa volta verso Milano per provare a cercare qualcosa in più.
È così che il bagaglio musicale si arricchisce, la voglia di provare la scalata diventa uno stimolo così forte da iniziare incessantemente a cercare, trovare e contattare le persone giuste.
Nel 2014 raggiunge un primo obiettivo, con la pubblicazione del singolo e video ufficiale di “C’è una stella”pezzo portante degli Ego Sonic, band musicale fondata qualche tempo prima, di cui Marcello ne è leader e frontman.
È questa l’esperienza cardine che porta Marcello ad entrare in contatto con quello che oggi è il suo produttore: Marco Barusso, noto produttore discografico, arrangiatore e musicista. Ed è proprio nel “BRX Studio” che nasce e prende forma “Forlani”, progetto musicale che vede pian piano concretizzare un percorso di vita personale e professionale.



CONTATTI & SOCIAL: